Teoria, ritmica e sviluppo percettivo

Il corso di Teoria, ritmica e sviluppo percettivo si propone di gettare le basi per un percorso conoscitivo della musica intesa come vero e proprio linguaggio, da cui il cantante moderno non può più prescindere, se ambisce a diventare un vero professionista pronto ad accettare le sfide lavorative provenienti da una eterogeneità di situazioni in cui la conoscenza musicale è assolutamente indispensabile. Il corso si sviluppa attraverso una serie di lezioni dedicate alla trattazione di nozioni di base e di argomenti troppo spesso considerati puramente teorici. Questi stessi argomenti, oltre a sgombrare il campo da una serie di equivoci storici costruiti su termini, uso dei simboli e accezioni improprie, troveranno applicazione sul campo attraverso l’analisi e lo studio di brani attinti dai repertori degli studenti. Il corso, così strutturato, si propone di fornire solidi elementi di teoria applicata alla pratica musicale, di lettura parlata e cantata della musica, con esercitazioni, nella fase finale del corso, di dettato musicale. In questa accezione il corso di Teoria, ritmica e sviluppo percettivo risponde all’ esigenza, da parte dello studente, di acquisire la capacità di impadronirsi della musica come un vero e proprio linguaggio, scoprendosi così in grado di:
– scrivere una linea melodica frutto del proprio pensiero compositivo;

– leggere una linea melodica presa da un qualsiasi spartito musicale;

– trascrivere una linea melodica frutto dell’ascolto di un brano musicale.
Queste capacità rappresenteranno le basi e saranno oggetto di ulteriore sviluppo del percorso di crescita musicale che confluirà nello studio dell’armonia e dell’ear training.